Differenze nei tassi di conversione delle inserzioni di Facebook e Twitter

  Per i social media come Facebook e Twitter, sono alti tassi di conversione per gli annunci a pagamento o tassi di conversione degli annunci naturali? Infatti, i due sono molto diversi.

  I tassi di conversione di One, Twitter e Facebook sono completamente diversi

  Secondo APR 2014, l'ultimo rapporto di Convertro e AOL Platforms sul tasso di conversione dei social media a pagamento e della pubblicità naturale nel primo trimestre del 2014, i social media variano ampiamente.

  Per Twitter, il tasso di conversione per gli annunci a pagamento è chiaramente molto più alto, al 3,9 per cento, rispetto all'1,5 per cento per i suoi annunci naturali.

  Per Facebook, la conversione degli annunci a pagamento è meno diversa da quella degli annunci naturali, che è del 3,1% e delle inserzioni naturali, che sono del 3,0%.

  Per Pinterest, è l'opposto di Twitter, dove gli annunci a pagamento hanno un tasso di conversione di appena lo 0,2 per cento e annunci naturali dell'1,1%.

  In termini di tasso medio di conversione dei social media, il tasso medio di conversione degli annunci a pagamento è del 2,8% e il tasso medio di conversione degli annunci naturali è del 2,3%.

  In secondo luogo, giocare le diverse caratteristiche dei social media

  Dai risultati statistici di cui sopra può essere visto, diverso effetto pubblicitario sui social media è molto diverso. In questo modo, la strategia della pubblicità sociale dovrebbe avere una caratteristica diversa.

  Ad esempio, quando si tratta di pubblicità a pagamento, il denaro dovrebbe essere speso principalmente su Twitter, non per interessi, mentre Facebook ha bisogno solo di una piccola somma di denaro.

  In termini di pubblicità naturale, molta attenzione dovrebbe essere rivolta a Facebook e, naturalmente, a Twitter e Pinterest.

  Naturalmente, la direzione dell'investimento di bilancio finanziario della pubblicità sociale non è così semplice, ma dovrebbe anche prendere in debita considerazione il prossimo problema: nelle diverse fasi di approvvigionamento, l'uso di diversi contenuti di social media e l'interazione per influenzare le loro decisioni di acquisto.

  In terzo luogo, i diversi ruoli dei social media nelle diverse fasi di approvvigionamento


  La fase di approvvigionamento è suddivisa principalmente dal punto di contatto, suddiviso nel primo contatto, contatto intermedio, contatto finale e contatto unico e altre fasi di contatto, principalmente per vedere l'interazione dell'utente con la pubblicità del marchio in diverse fasi.

  Dai rapporti di Convertro e AOL Platforms, youtube è il più completo in quattro fasi, con gli utenti che potrebbero interagire con gli annunci su Youtube in quattro fasi. In particolare, gli utenti interagiscono di più con Youtube durante il primo contatto, il contatto intermedio e la fase di contatto unico.

  Nella fase di contatto intermedia, gli utenti hanno interagito maggiormente con gli annunci su Twitter, al 92 per cento, seguiti da Tumblr e Linkedin rispettivamente all'89 per cento e all'86%.

  Infatti, in generale, la percentuale di utenti che interagiscono con i marchi su tutti i social media durante la fase di contatto intermedio è relativamente alta, almeno più del 54%.

  Pertanto, sfruttando appieno tutti i tipi di social media tradizionali, insistendo sul rilascio a lungo termine di informazioni preziose e aderire a un'interazione attiva ed efficace con gli utenti, sono le imprese e le istituzioni di oggi devono tenere a mente due principi. (Autore: Chen Yongdong, ricercatore nel campo della creatività dei nuovi media, comunicazione e marketing, e-mail: cyd888@sina.com, Account pubblico di WeChat: Comunicazione creativa dei nuovi media)