La quota di annunci di Google e Facebook è in calo, chi è "bocca tigre"?


Testi... Kristen


Secondo l'ultimo rapporto di eMarketer,GoogleE la quota di Facebook nel budget per la pubblicità digitale del mercato statunitense è scesa al 56,8 per cento quest'anno dal 58,5 per cento del 2017. La relazione ha inoltre rilevato che anche la quota dei due giganti nel nuovo bilancio della pubblicità digitale è diminuita, dal 73 per cento nel 2016 al 48 per cento.



Mentre Google e Facebook continuano a far crescere il loro business pubblicitario e rimangono la principale piattaforma di pubblicità digitale della nazione, Amazon e Snap stanno mangiando nella loro quota di mercato, ha detto Monica Pert, un analista di eMarketer.

 

Sottolinea che nel settore di Internet, l'e-commerce sta svolgendo un ruolo sempre più importante, facendo di Amazon una quota maggiore di pubblicità.Sul lato sociale, la funzione di SnapStory ha notevolmente guidato gli utenti alla vita, rendendo il piatto di Snap pieno.


Nuovi sfidanti


Amazon e Snap hanno le loro caratteristiche di sfidanti giganti: sempre più marchi vedono i dati sulle transazioni di Amazon come la forza trainante della pubblicità e-commerce; la base di utenti di Snap sta crescendo più velocemente dei suoi rivali più sofisticati, afferrando più quote di mercato.


Ma Amazon e Snap ora costituiscono una piccola quota del mercato pubblicitario degli Stati Uniti in termini di quota. eMarketer prevede che entro la fine del 2018, Amazon rappresenterà il 2,7 per cento della pubblicità digitale degli Stati Uniti, mentre Snap rappresenterà l'1%. Di conseguenza, Google e Facebook rappresenteranno rispettivamente il 37,2% e il 19,6% del mercato.


Le entrate pubblicitarie di Amazon sono in rapida crescita, nonostante una piccola: nel 2017 le entrate pubblicitarie sono aumentate del 63%, raggiungendo i 2 miliardi di dollari del 2017.(C'è qualche disaccordo su questa cifra, con alcuni analisti che sostengono che il fatturato pubblicitario effettivo sarà di almeno 4 miliardi di dollari.) eMarketer prevede,Entro il 2020, la quota di Amazon nel mercato pubblicitario statunitense potrebbe raddoppiare fino al 4,5 per cento, ovvero l'1,3 per cento del fatturato totale della pubblicità mobile.


Gli analisti dicono che Amazon è favorito perché combina ricche informazioni di ricerca dei clienti con i dati di acquisto, che è attraente per i marketer che vogliono vendere su Amazon.


Amazon può mantenere una rapida crescita con la pubblicità sulla sua attuale piattaforma di e-commerce da sola, mentre amazon si edpoia sui piani per l'acquisto di Whole Foods, con il proprio Amazon Fresh e Prime Delivery che probabilmente crescerà. Oltre all'e-commerce, Amazon può anche espandere i suoi annunci a una gamma più ampia, come Prime Video.


Un'altra società, Snap, è vicino a Instagram. Instagram ha copiato con successo le più innovative storie di Snap e le unità pubblicitarie.EMarketer prevede che Instagram è sulla buona strada per generare 5,5 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie nel 2018 e una quota del 5% del mercato pubblicitario degli Stati Uniti.


Ma gli inserzionisti sono ancora interessati a Snapchat perché i suoi utenti sono giovani che hanno difficoltà a raggiungere altri canali. Snap sta anche rilasciando nuovi prodotti pubblicitari, in una certa misura non male, gli inserzionisti non sono un piccolo entusiasmo.


Mentre gli utenti attivi di Snap non stanno crescendo così velocemente come gli investitori sperano, è ancora in crescita più veloce rispetto ad altri utenti della piattaforma. Gli analisti dicono che Snapchat è molto più veloce di piattaforme come Facebook e Twitter, dove la crescita degli utenti si è appiattita.


Il rapporto ha anche rilevato che la quota di mercato di Twitter scenderà all'1 per cento quest'anno, in calo rispetto a una previsione dell'1,5 per cento a settembre. eMarketer ha detto che la piattaforma tornerà alla tendenza al rialzo nel 2019 in quanto sviluppa migliori strumenti di cashein per gli utenti esistenti.


Gli analisti dicono:La crescita di Twitter è venuta più dall'incassare gli utenti esistenti che dall'aggiunta di nuovi utenti e più contenuti vengono utilizzati per aumentare il coinvolgimento degli utenti e il volume totale, aumentando così le entrate pubblicitarie."


Problema dell'elefante


Oltre alla concorrenza, anche i due giganti si trovano ad affrontare la sfida della propria crescita.


Man mano che Facebook si avvicina al massimo del carico dell'annuncio e dei prezzi nella sua messaggistica, dovrà fare affidamento su Instagram e Watch per continuare a crescere. Mentre Google rappresenta una grande parte della crescita della pubblicità digitale, il suo costo crescente di acquisto di traffico frenesi il limite massimo.


Nonostante i numerosi problemi legati all'opinione pubblica e alla regolamentazione dei contenuti, molti ritengono che una maggiore regolamentazione influirà sulla spesa degli inserzionisti su Google e Facebook, secondo le osservazioni di eMarketer, Gli inserzionisti sceglieranno principalmente Facebook e Google come piattaforme di marketing digitale principali.